lunedì 23 febbraio 2015

ULTIMI BACI PER L'MTCHALLENGE N. 45

Annarita, la sfidante MTC di questo mese, solo un paio di giorni fa su fb si lamentava del numero dei baci arrivati, troppo pochi? allora accontentiamola!
Contribuisco con altri tre e poi faccio festa perché sto ingrassando! Anche se di idee ne avrei e ci ho preso gusto a farli ma il giro vita ha detto stop e anche perché ho quasi esaurito le persone a cui dedicare i baci perché come tradizione vuole, e secondo le regole della sfida, ogni bacetto va corredato del suo bigliettino amoroso.
Del resto sono arrivata a 8 baci, questi ultimi 3 +  i 4 precedenti dolci  e 1 salato, direi che possono proprio bastare, ho fatto concorrenza a Mariella Cooking!!

Dunque, rush finale per l'MTC n. 45 IL BACIO, a tre giorni dalla chiusura dei giochi:

Fuori 1!

BACI ALLA MENTA, LIQUIRIZIA E LIMONE

 
Menta e Liquirizia è un abbinamento che adoro, il limone sta bene con entrambi ed ecco deciso il tris.
Li voglio dedicare alla mia nonna paterna Maria che è scomparsa ormai da molti anni perchè mentre li elaboravo mentalmente e cercavo di capire come risolvere l'aroma menta, non volendo usare la menta fresca, che neanche si trova ora,  ho pensato alle mentine della mia nonna, quelle pasticche bianche zuccherose e friabili che si trovano ancora nei banchi di dolciumi delle fiere; le avrei polverizzate e miscelate con la polvere di liquirizia e tutto il resto e così ho fatto.
Ricordo che la nonna le nascondeva nel cassettone della biancheria in camera sua, che comunicava con la nostra di bambine, mia e di mia sorella, ma noi conoscevamo il nascondiglio e andavamo a rubargliele e lei lo sapeva e fingeva di rimproverarci con quella severità poco convinta e indulgente che hanno tutti i nonni!
 
A Nonna Maria, ovunque tu sia, avvolta in una nuvola di mentine e fiumi di cioccolata!!
 
 
Ingredienti per n. 6 baci
 
80 g di cioccolato bianco
30 ml di panna liquida fresca
1 cucchiaio di scorza di limone candita tritata + alcuni cubetti per la guarnizione
4-5 pasticche dure di menta
1 cucchiaio di polvere di liquirizia
250 g di cioccolato fondente al 70%
 
Tritare la maggior parte delle mentine fino a ridurle in polvere, ridurre il resto  a granella. Tritare le scorze di limone candite, vedi post precedente , serbandone alcuni tocchetti più grossi per la sommità dei baci. Sciogliere al microonde a potenza media per 30-40 sec il cioccolato bianco con la panna. Unire la polvere di liquirizia, la menta e il limone. Lasciar rapprendere e poi formare della palline. Sulla sommità far aderire un cubetto di limone candito.
Sciogliere il cioccolato fondente a bagno maria a 45° C in un contenitore di materiale idoneo anche al microonde (porcellana o vetro), poi immergere il contenitore col cioccolato in un bagno maria freddo, portarlo a 31-32° mescolando ripetutamente e infine immergere i baci, raccoglierli con una forchetta e porli ad asciugare sopra un foglio di carta da forno. Per mantenere la temperatura durante l'utilizzo, passare eventualmente il recipiente qualche secondo al microonde.
 
NB: al gusto offre nel cuore un'esplosione di freschezza e cremosità, dolcezza e aromaticità a contrasto con la croccantezza e l'amaro dell'involucro esterno. Un bacio balsamico direi!!
 
 
 
BACI AL COCCO, CEDRO CANDITO E ZENZERO
 

 
Questi sono per quella chocoholic  dai gusti eccentrici che è la mia amica Ettorina, chiamata da tutti semplicemente Etto o, nel periodo della scuola, anche Hg, da Etto/Ettogrammo!
Siamo amiche dall'infanzia, compagne di scuola però solo alle medie e alle superiori. Quelle amicizie che sai che ci sono e basta.
L'insospettabile e impeccabile Etto, oltre che per il cioccolato, come tutta la sua famiglia del resto,  ha una passione smisurata per Bruce Springsteeen, che anch'io condividevo tempo fa ma che poi si è affievolita. Lei no, l'ha seguito in concerto non so quante volte, pure all'estero, ha trascinato il povero marito a Barcellona un paio d'anni fa (e non siamo proprio ragazzine)!! E allora spero di fare un gradito omaggio all'amica, grande appassionata di cioccolato,  con questi baci golosi, dal gusto insolito, esotico, fresco e un po' piccante, sperando di sorprenderla e  dedicandole una frase che mi ha sempre colpito di una mitica canzone del Boss, The River, che ci ascoltavamo nel tinello buono di casa sua, sedute per terra col volume dello stereo a manetta:
 
.....is a dream a lie if it don't come true or is it something worse that sends me down to the river..... 
 
 (don't è licenza poetica nel testo originale)
 
Una canzone che parla di disillusione, quando cioè nell'età adulta si scopre che  le promesse giovanili non vengono mantenute, che  i sogni non si sono avverati e non si avvereranno. Ma quando Etto ed io ci sentiamo al telefono o ci vediamo e chiacchierando  ci soffermiamo sul  tempo che scorre, e ci guardiamo indietro, lo facciamo con consapevolezza e con quel tanto di ironia che non ti fa cedere alla disillusione. E questo ci piace, ridiamo e ne godiamo perché in quei momenti siamo ancora vicine sui banchi di scuola e tutto il resto non conta.
 
Ingredienti per n. 6 baci
 
50 g di cocco grattugiato
40 g di cioccolato bianco
30 g di cedro candito a dadini*
60-70 g di radice di zenzero
12 ml di panna fresca liquida
4-5 mandorle intere spellate
250 g di cioccolato fondente al 70%
 
* non ho trovato il cedro fresco per candirlo da sola come i limoni e le arance però ho acquistato un ottimo prodotto artigianale.
Spezzettare i due cioccolati separatamente. Decorticare lo zenzero. Sciogliere al microonde a potenza media per 30-40 sec il cioccolato bianco con la panna, unire il cocco e il cedro e una generosa grattugiata di zenzero fresco, regolando secondo il proprio gusto. Lasciar rapprendere e poi formare della palline, infine posizionare una mandorla sulla sommità di ogni pallina.
Sciogliere il cioccolato fondente come sopra e intingervi  le palline di cocco e zenzero.
 
 
 
 
BACI AL CAFFE' E NOCCIOLE
 



 
Dulcis in fundo, last but not least, non poteva mancare la mia mamma! anche se lei è diabetica e i cioccolatini non sono proprio l'ideale per la sua rigorosa dieta. Ma uno strappo per amore si può fare. Allora ho scelto per lei un cioccolatino amaro, col caffè, che le piace tanto. Inoltre con questo bacio sono stata molto fedele alla versione classica, con le nocciole, anche perchè un cioccolatino con le nocciole, come il bacio Perugina,  e un buon caffè offrono un piacere irrinunciabile.
 
Immagino la mia mamma mentre sorseggia il suo caffè e si gode il mio bacio mentre ascolta una romanza tratta da un'opera lirica, la sua grande passione che poi ha trasmesso pure alla figlia.
Quando leggerà, si commuoverà, io lo sto già facendo mentre scrivo. La mia dedica non poteva essere che musicale, ovvero l'intramontabile MAMMA del celeberrimo tenore  Beniamino Gigli che abbiamo canticchiato spesso insieme:
 
 
Mamma, son tanto felice
perché ritorno da te.
La mia canzone ti dice
ch'è il più bel giorno per me!
Mamma son tanto felice...
Viver lontano perché?
Mamma, solo per te la mia canzone vola,
mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!
Quanto ti voglio bene!
Queste parole d'amore che ti sospira il mio cuore
forse non s'usano più,
mamma!,
ma la canzone mia più bella sei tu!
Sei tu la vita
e per la vita non ti lascio mai più!
Sento la mano tua stanca:
cerca i miei riccioli d'or.
Sento, e la voce ti manca,
la ninna nanna d'allor.
Oggi la testa tua bianca
io voglio stringere al cuor.
Mamma, solo per te la mia canzone vola,
mamma, sarai con me, tu non sarai più sola!
Quanto ti voglio bene!
Queste parole d'amore che ti sospira il mio cuore
forse non s'usano più,
mamma!,
ma la canzone mia più bella sei tu!
Sei tu la vita
e per la vita non ti lascio mai più!
Mamma... mai più!
 
 
E il papà? ghiotto di dolci dolci, sarà gelosissimo mentre leggerà questo post insieme alla mamma! Non ho fatto in tempo, dovevo pubblicare oggi perché domani la mamma subirà un intervento agli occhi e per qualche giorno sarà cieca e non potrà ammirare i suoi cioccolatini!! Al papi, glieli porto di persona i baci, la prossima volta che vado su a Boffalora, il paesello natio!!! Ne ho in mente uno adattissimo ai suoi gusti! 
 
 i baci "gnudi" al caffè e nocciole
 
 
Ingredienti per n. 6 baci
 
250 g di cioccolato fondente al 50% per la copertura + 40 g per la farcia
40  g di nocciole sgusciate,  tostate, spellate e ridotte in granella  + 6 nocciole intere
15 ml di panna liquida fresca
1 cucchiaio di caffè solubile amaro
 
 
Spezzettare il cioccolato.  Scioglierne 40 g  al microonde a potenza media per 30-40 sec  con la panna, togliere, mescolare ripetutamente affinché non rimangano grumi, aggiungere la granella di nocciole e il caffè continuando a mescolare. Lasciar rapprendere il composto e poi formare delle palline. Posizionare sulla sommità una nocciola. 
Sciogliere il restante cioccolato  come sopra e intingervi  gli gnudi al caffè e nocciole.
 
 
 
 
 
 

16 commenti:

  1. Ecco, poi dicono che sono io! Tu stai battendo tutti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. dai dai Mariella, hai ancora tre giorni, su!!

      Elimina
  2. Altri baci? Sei irresistibile, uno più buono dell'altro! Potendo scegliere direi che quelli al cocco, cedro candito e zenzero mi attirano di più. Ancora brava!

    RispondiElimina
  3. Via manca quello con tartare di sugarello e chiudi il cerchio!!! Cristina lo vedi che è bastato pungolarti un tantino e non solo, hai tirato fuori dal cilindro versioni meravigliose, dimostrando, se ce ne fosse bisogno, che sei una maestra anche in pasticceria ma hai scavato nei ricordi e nei sentimenti come non credevo avresti mai fatto. Ci sei riuscita, come al solito tuo, in punta di piedi ma anche con grand risate e questa, secondo me è la parte migliore. Tua mamma, come tutti gli altri che hai menzionato sono molto fortunati. Il primo è fresco e l'idea di mettere le mentine è geniale. Cocco cedro e zenzero mi fanno spiaggia e palme delle quali ora sento un gran bisogno. Ultimi ma sono in questa lista quelli al caffè e nocciole, beh sarà per la dedica alla mamma ma mi hanno fatto una tenerezza infinita. Galliti lei mi stupisce sempre di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e tu mi hai ammutolita.....e non è facile lasciarmi senza parole!! grazie Annarita
      ps: non posso dedicarli a te perché sarebbe tentativo di corruzione ma lo farei volentieri ;-)

      Elimina
    2. però a sfida finita li accetto volentieri :P

      Elimina
  4. non sono ancora riuscita a prendere ferie, però stasera mi sono detta devo assolutamente passare da Cris, .... ha prodotto ancora! Geniale!
    Queste sono fantastiche, ci hai preso gusto ... ora corro a leggere gli altri, che mi mancano! complimenti! L'idea della mentina con la liquirizia è notevole!!! sei grande!

    RispondiElimina
  5. a sfida finita, se ti capitasse di allungarne qualcuno alla giudice, così per tua informazione, ti comunico che non abito a molta distanza da lei.... fai te :) :) Grande Galliti!!

    RispondiElimina
  6. Caffè e nocciole sono fantastici insieme, ci avrei visto una copertura di cioccolato bianco, io a Natale ci ho fatto dei cantucci con questi 3 ingredienti, buonissimi.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai detto cantucci? ne ho fatte molte versioni sia dolci che salate, al caffè mi mancano!!!
      grazie per l'idea :-)

      Elimina
  7. io non ho ancora capito quanti ne hai fatti, sono tutti da sballo, ma capiterò da quelle parti, sono uno più interessante dell'altro, Cri apriamo una "baceria"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hahahahaha una baceria, è proprio una bella idea!!

      Elimina
  8. Sei un vulcano. Io questo mese ho avuto una marea di casini per cui sono riuscita a fare per miracolo due sole misere proposte. Tutti li mangerei i tuoi baci, e pure con le canzoni del Boss....a manetta....
    Se questa maledetta influenza mi darà un po' di tregua.... passo anche dagli altri che ho letto, apprezzato ma dal telefono non sono riuscita a commentare.
    A presto
    Nora

    RispondiElimina
  9. di solito, qui sopra, mi emoziono per le tue ricette.
    Stavolta,mi sono commossa per il post.
    e tu ogni volta fai un passo avanti, in questo percorso di completezza, che ti rende quasi wagneriana ;-) nella fusione fra scrittura, inventiva, tecnica e ti conferma uno dei punti di riferimento più sicuri (oltre che più irraggiungibili) del web.
    unica, pure quando sei molteplice :-)

    RispondiElimina