lunedì 6 gennaio 2020

LA MIA TERRINA DI TACCHINO, FEGATO E CASTAGNE PER MTC STORY


Nostalgia da Mtchallenge... Il nostro bellissimo gioco on line che ha entusiasmato per anni una comunità costituita da centinaia di foodblogger, di cui faccio parte, è da un po' di tempo in stand by, e manca a tutti. Manca l'eccitazione della sfida che si ripete a ritmo cadenzato ogni mese, gli stimoli creativi che tutto ciò comporta, il cazzeggio sui social, la sfida nella sfida, ovvero indovinare gli indizi, l'attesa del vincitore..
In attesa e nella speranza che si rianimi, qualcuno ha lanciato l'idea di un flash mob con una ricetta a scelta fra le 73 ricette delle sfide che  si sono succedute dal 2010 ad oggi, ben 10 anni!!
Celebriamo quindi l'anniversario con una movimentazione in stile Mtc, alla grande, in massa, con fragore, colore e sapore per il piacere di cucinare e condividere!!

Io non ho avuto dubbi sulla scelta del da farsi, quando lo abbiamo deciso si avvicinava il Natale, quindi  ho optato per una preparazione sontuosa da esibire nel menu della festa più amata dell'anno: la terrina, sfida n. 64 lanciata dalla Gallina Vintage, Giuliana, rinominata Madame Terrine per la sua maestria in cucina.
Tema della sfida in realtà erano "le terrine", come riporta il banner, in tutte le loro varianti: carni, pesci, verdure, nude, in crosta, in gelatina.
A suo tempo ne realizzai una di pesce, LA TERRINA POVERA, POCO BELLA MA BUONA ma feci un errore nell'ultimo passaggio, a causa di un'imperdonabile svista, sono caduta sul rivestimento di gelatina!! Il risultato non fu proprio impeccabile anche se, una volta tagliata a fette e limato un po' la gelatina in eccesso, tutto sommato non era male a vedersi, era molto scenografica e anche buona, però l'errore tecnico c'era e non avevo tempo di rifarla..amen. 


Allora, volevo rifarmi e mi sono buttata su un mostro sacro dell'alta gastronomia: la terrina in crosta. La più difficile, a mio avviso, pertanto molto stimolante, altrimenti che sfida sarebbe?
E' ispirata ad un grande classico delle tavole natalizie: il tacchino farcito con le castagne.
E' stata una grande soddisfazione riuscire a realizzarla. L'ho studiata e programmata per giorni, tampinando soprattutto la vincitrice della sfida: Mademoiselle Marina perché mi sono ispirata alla sua meravigliosa terrina di maiale e coniglio in crosta. Marina è stata come sempre deliziosa nel dispensare consigli e nel supportarmi. Ho chiesto un aiutino anche a Giuliana, naturalmente,  ma avevo bisogno di essere rincuorata proprio sull'ultimo passaggio. E Ho scomodato pure un amico chef, mago delle terrine, Angelo Torcigliani de Il Merlo di Lido di Camaiore. Nel marasma dei preparativi natalizi, degli ultimi acquisti, di messaggi e telefonate di auguri, pur avendo stampato passo dopo passo il procedimento, da ultimo sono andata un po' in confusione e un piccolo errore l'ho  commesso ancora ma il risultato è stato più che soddisfacente soprattutto per il  palato!! Una vera goduria che ha trovato ottima compagnia con un vino importante come il Tignanello 2009, una pietra miliare dell'enologia italiana,  che custodivo in cantina per l'occasione giusta!  

TERRINA DI TACCHINO, FEGATO E CASTAGNE IN CROSTA DI FARINA DI CASTAGNE


Ingredienti per una terrina  cm 11 x 20 ( h 7)

400 g di sovraccoscia di tacchino (peso al netto degli scarti)
150 g di fegato bovino
200 g di salsiccia
60 g di lardo
100 g di castagne lessate
1 uovo intero
1 cucchiaio colmo di panna liquida vegetale
1 cucchiaio di semi di finocchio pestati
1 cucchiaiata di timo sfogliato
Un mazzetto di erba salvia
Noce moscata, pepe vanigliato del Borneo, sale fino
Scorza di limone grattugiata
Latte parzialmente scremato qb
Moscato passito qb

+ eventuale gelatina di brodo leggero di pollo o di verdure

Per la  pâte  a foncer
250 g di farina 0 + 100 g farina di castagne
180 g di burro
50 g di acqua ghiacciata
1 cucchiaino colmo di sale
1  uovo grande

Pulire la carne del tacchino, rimuovendo pelle, tendini e grasso. Tagliarla a pezzi e farla marinare per mezza giornata con del latte, una manciata di pepe vanigliato e delle foglie di salvia spezzettate.
Mettere a marinare anche il fegato con il vino passito e una manciata di semi di finocchio.
Nel frattempo preparare la pate à foncer facendo una fontana su un piano di lavoro con le farine mescolate e setacciate. Unire  il sale, l'uovo, il burro e un po' d'acqua ghiacciata, iniziare a impastare senza lavorare troppo e unendo altra acqua se la pasta la richiede. Formare una palla, avvolgere nella pellicolare e far riposare in frigorifero per almeno un'ora. Toglierla mezz'ora prima dell'utilizzo.
Aprire la salsiccia, ricavarne la polpa, spezzettarla.
Scolare la carne di tacchino dalla marinata, passarla al tritacarne. Mescolarla con la salsiccia, le castagne spezzettate grossolanamente,  un uovo intero, una cucchiaiata di panna vegetale, un po' di timo, della noce moscata grattugiata, i semi di finocchio, la scorza grattugiata di mezzo limone e infine  regolare di sale.
Stendere la pasta nello spessore di 0,5 cm circa, ritagliare dei pezzi di pasta della misura del fondo e dei lati della teglia, considerando un margine per poi far aderire i pezzi fra loro. Imburrare e spolverare di farina la teglia, rivestirla con i pezzi di pasta, farli aderire bene fra loro nei bordi interni, ritagliare quelli superiori. Infine ricavare anche un rettangolo per chiudere la terrina.
Versare nella terrina un po' di impasto di carne e salsiccia, premendolo bene, stendere delle strisce di fegato, coprire con fettine di lardo, fare un altro strato di carne e salsiccia, fegato e lardo fino ad esaurimento, avendo cura di terminare lasciando un bordo di pasta di 1-1,5 cm. Premere bene il composto, coprire la superfice della terrina con il rettangolo di pasta preparato, ripiegare i bordi laterali, sigillare imprimendo dei motivi con i rebbi di una forchetta o altro. Praticare un foro al centro o più fori per far uscire l'aria in cottura, posizionare nei fori dei piccoli coppapasta o dei coni di carta da forno. Con i ritagli di pasta decorare la superficie con motivi a piacere. Creare anche una decorazione che farà da tappo al buco della superficie, una volta sfornata e raffreddata la terrina.
Spennellare la superficie della terrina con un tuorlo diluito con un po' di latte.
Cuocere in forno preriscaldato a 180° C per 15-20' poi abbassare a 160° C per 45-50'. Cuocere la decorazione "tappo" negli ultimi 15-20'
Togliere dal forno, reclinare un poco la terrina con molta cura, eliminare l'eventuale liquido prodotto, attraverso un imbutino o un cono di carta forno. Sformarla, versare della gelatina liquida quando la terrina è ancora calda in modo che possa inglobare eventuale liquido rimasto e una volta solidificata sigillare bene la carne alle pareti di pasta.
Io qui ho sbagliato perché ho eliminato un po' di liquido  ma ho fatto raffreddare la terrina nella teglia. La pasta in superficie si era gonfiata ma poi si è seduta raffreddandosi e si è sigillata da sola con la carne, in superficie, senza bisogno quindi di gelatina; nei bordi laterali un po' di spazio è rimasta ma insomma...non tutto il male vien per nuocere!!
Togliere il coppapasta, chiudere il buco con la decorazione, far raffreddare e porre in frigorifero a riposare, meglio se un giorno intero, così da compattarsi bene. Servire a temperatura ambiente o appena intiepidita.

Salsa di porri all'arancia per accompagnare  : porri tagliati a rondelle, cotti con burro e alloro, brodo di verdura qb, spruzzati con poco succo  d'arancia e aromatizzati con scorze d'arancia tagliate a julienne e infine frullati (senza l'alloro)



14 commenti:

  1. Tu parli di errore, e magari ci sarà pure...ma mi inchino di fronte a tanta maestria :) Ricordo bene quella sfida e l'orrore che presentai...ma è anche vero che senza l'MTC, senza di voi, non ci avrei mai nemmeno provato...spero che si torni presto (anche se la mia indole pessimista la pensa diversamente) a confrontarsi e a giocare insieme!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il bello dell'mtc è proprio quello di farci fare cose che mai ci saremmo sognate di fare senza lo stimolo della sfida!! E grazie per essere passata di qua ☺

      Elimina
  2. Tra Marina, Giuliana e tu che siete tutte una certezza qui c'è poco da fare: l'essenza piena dell'MTC!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure tu non scherzi carissima. Ti abbraccio e ti ringrazio!

      Elimina
  3. Splendida realizzazione, sister! Adoro il tacchino con le castagne e, in versione terrina, mi attira ancor di più

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò, ho messo qualche fetta in freezer perché partivo per una vacanza..sono appena rientrata, non vedo l'ora di scongelare 😋😋😋

      Elimina
  4. Cristina sei l'unica sfidante MTC che ho avuto modo di conoscere personalmente e una di quelle che ammiro per la bravura e la creatività.
    Mi manca aspettare di vedere quale sorprendente ricetta proponevi ad ogni sfida!Chissà sene avrò ancora occasione....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Felice di averti conosciuta e complimenti a te per le belle cose che produci

      Elimina
  5. Figurati, io pensavo che le sfide fossero state 69 e invece leggo che sono state ben 73...cosa mi sono persa? Qualche pezzo come al solito. Certo non posso perdermi la tua terrina, di una meraviglia unica (a livello della maestra Giuliana guarda!), mentre non ho mai perso la certezza che tu sia una delle più talentuose e creative cuoche mai incontrate sulla mia strada. Nonché una delle amiche più speciali che l'avventura del blog mi ha regalato.
    Sei una grande, e lo ripeterò all'infinito.
    BAcissimi cara Cri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbero 72 + la numero 0, ovvero l'uovo fritto. A questo link ci sono tutte https://www.mtchallenge.it/category/ricetta-sfida/
      Ti ringrazio per i lusinghieri commenti alla mia terrina come già ti ho detto vedendo la tua condivisione su ig!! e anche sull'amicizia che è scaturita fra noi proprio grazie all'mtchallenge, confermo quello che ti ho lasciato nel commento dei muffins. Insomma.. copio incollo e ti abbraccio :-D

      Elimina
  6. Una sfida bellissima che manca a noi tutti. Ogni ricetta è stata una sfida con se stessi. Esperienza unica che ci resterà sempre nel cuore. Ottima scelta!

    RispondiElimina
  7. Quando inizió l’mtc io non avevo nemmeno in progetto di avere un blog!
    quanta strada...
    Ma questa sfida della terrina invece la ricordo bene!!
    La mia prima terrina... solo l’Mtc mi convinse a farla 😂😂
    Questa tua mi sembra fantastica!!!!!
    Ciao
    Elisa

    RispondiElimina
  8. Ciao amica di terrina! Anche io l'ho scelta per rimediare ad un errore madornale fatto con la mia terrina di pesce, all'epoca.
    Certo che la tua crosta è davvero invidiabile, mi fai venire voglia di provarla anche in questa versione. Grazie di esserci stata.

    RispondiElimina